Vera Apertura

R: Capire qualcosa rispetto al mondo interiore è una forzatura. La spiritualità è una forma d’arte, non va capita. La meditazione non va fatta..
Fare meditazione è il contrario della meditazione.
E’ possibile capire come montare una sedia o come sostituire una ruota, ma la psiche e le emozioni non vanno comprese, è una forma di violenza.
Quando diciamo “sono d’accordo, ho capito, non concordo”, ecco nuovamente la trappola.
Non si può guardare un quadro e dire ‘sono d’accordo’!

D: Ma certe situazioni vanno comprese.

R: Vanno vissute. Più sei dentro la situazione e meno bisogno hai di comprendere. Più vivi il presente e meno bisogno hai di immaginare un futuro. Quando non si vive si ha bisogno di un futuro!
Ogni situazione si conclude nell’ascolto e nessuno può comprenderla. Possiamo giocare ad immaginare il perché e il per come di certi incontri, possiamo sognare futuri meravigliosi o disastrosi.. di fatto non lo sappiamo. Vediamo come abbiamo sempre bisogno di aggiustare, fissare, proiettare, commentare.
L’immaginazione è qualcosa di meraviglioso nel momento in cui però non ci facciamo strangolare da questi stessi sogni.
Più pensiamo e proiettiamo e meno siamo nella situazione. Per poter ascoltare e comunicare, bisogna essere liberi da ogni passato e presupposto.
Tutta la conoscenza che abbiamo è di ostacolo a questa comprensione, nessuna vera comunicazione è possibile.
Da questa apertura è possibile giocare con le domande o raccontare la propria vita.

D: In quest’apertura è possibile dare consigli?

R: E’ possibile tutto. Ma ciò su cui viene posto l’accento non è il consiglio in sé ma sempre il suo contorno. Non si può dire a qualcuno cosa fare in una situazione perché la situazione e quel qualcuno saranno già diversi.
Si può soltanto trasmettere questa apertura senza riferimenti perché solo da questo spazio è possibile agire liberamente. Nessun consiglio può essere dato seguendo l’interesse personale.
Se ci fissiamo sulla formulazione sarà sempre approssimativo. Nelle arti marziali non è possibile insegnare tutte le casistiche perché le variabili sono infinite. Se insegno a difendersi dentro un aereo quando si inclina a destra poi dovrò insegnare la stessa cosa se si inclina a sinistra; E poi, guarda un po’, non avevo considerato il passaggio dell’assistente di volo in quel momento!
Questa è l’epoca dei ‘come’: su youtube troverai tutorial anche sul modo migliore per salire le scale di casa tua. Tutto questo ci sta instupidendo.
Quindi il cosa fare non ha alcun senso, ciò che conta è il sentito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *