Perché la paura mi blocca?

D: Come agire se si ha paura?

R: La paura mi inventa.
Credermi fallito, riuscito, francese, cristiano, ateo, di destra o sinistra.. In una visione vera smetto di rivendicare qualsiasi cosa.
Allora tutto ciò che mi accade diventa intimo senza necessità di doverlo afferrare e mettere in tasca.
È l’unica via che permette l’azione. Finché mi credo fallito, ricco, padre, sposato, ebreo, vittima, nessuna reale azione è possibile.
Il ruolo lo decide questo momento. Trascinarsi una identità blocca la vita.
Si difende una immagine di sé perché si crede di avere qualcosa; Non si ha niente, nemmeno le proprie opinioni e il proprio corpo, non c’è niente da difendere.
Perdo la necessità di raccontarmi. Non ho bisogno di ripetermi che sono questo o quello, che amo lui piuttosto che lei..
Mentre mangio ciò che mi piace non penso continuamente “che buono, che buono, che buono”
Quindi non si può agire finché si crede di sapere qualcosa. Per camminare non hai bisogno di sapere come si cammina: cammini.
Anche il pensiero è una forma di azione, ma se pensi di essere un io che pensa, allora il pensiero è ostruito perché dovrai sempre difendere qualcosa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *